Scaricare le mappe offline


Apri l'app Google. Assicurati di essere connesso a Internet e di non essere in Modalità di navigazione in incognito. Cerca un luogo, ad esempio San Francisco. In basso, tocca il nome o l'indirizzo del luogo tocca Altro.

Nome: scaricare le mappe offline
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 30.87 MB

La migliore applicazione gratuita per mappe offline: Maps. Ma se non incontrate nessuno? Se non riescono ad aiutarvi o non parlate la lingua del paese e i locali non parlano inglese? Per prevenire questo inconveniente scaricate la migliore app per mappe offline: Maps. Di applicazioni che permettono di scaricare le mappe di un luogo o di una città sul proprio telefonino e poi utilizzarle quando si è offline ce ne sono molte.

Lo stesso Google Maps, pur non permettendo di fare il download della mappa di un intero paese consente di scaricare la zona che ci interessa in pochi click.

Inoltre è anche possibile usare il navigatore con Google Maps anche offline , con le indicazioni stradali.

Prima di poter usare Google Maps offline è quindi necessario prepararsi. Scaricare le mappe di Google Maps su Android e iPhone è diventato ormai davvero facile ed è quasi impossibile non aver trovato l'opzione.

Con una connessione wifi e la localizzazione attiva, aprire Google Maps e scorrere il dito da sinistra verso destra per far comparire il menù principale su iPhone toccare il tasto con tre righe in alto a sinistra. Una volta fatto, dare un nome alla mappa e toccare il tasto Scarica.

Le mappe scaricate possono essere recuperate, su iPhone e su Android, nella sezione "Mappe Offline" accessibile dal menu principale che compare toccando il tasto opzioni, quello con tre righe. Ogni mappa scaricata dura 30 giorni e poi scade e va aggiornata se non si vuole che venga cancellata dalla memoria. Scegliendo Seleziona la tua mappa è possibile aumentare o diminuire il livello di ingrandimento per selezionare l'area geografica la cui mappa deve essere memorizzata in locale, sul dispositivo in uso.

In questo modo le mappe di Google Maps verranno scaricate offline e utilizzate ogniqualvolta la connessione dati dovesse venire meno.

L'applicazione di Google indica quanto spazio occuperanno le mappe sul dispositivo mobile. Toccando i tre puntini verticali a destra di ciascuna mappa scaricata è possibile assegnare un nome alla mappa Rinomina , eliminarla recuperando spazio in memoria o verificare l'area cui essa si riferisce Visualizza.

Per impostazione predefinita, inoltre, Google Maps aggiorna le mappe offline solo quando il dispositivo risultasse connesso a una rete WiFi.

Il funzionamento di Google Maps è sostanzialmente identico su Android e iOS con la differenza che sui dispositivi equipaggiati con il robottino verde è eventualmente possibile configurare la memorizzazione sulla scheda SD delle aree scaricate. Altre informazioni su Google Maps nell'articolo Google Maps navigatore ma non solo: tutte le funzionalità più utili.

Mappe offline anche con Waze: ecco come si fa Se le mappe offline di Google Maps sono certamente più conosciute è interessante specificare come anche un "navigatore social" come Waze integri una funzionalità simile. Nel caso di Waze non ci sono aree da selezionare: semplicemente, se s'imposta una destinazione quando la connessione Internet è disponibile e funzionante, l'applicazione crea una sorta di cache con tutti i dati sul percorso da seguire.