Richiesta di autorizzazione allo scarico


/, avendo effettuato uno scarico di acque reflue industriali in acque superficiali, senza l'autorizzazione necessaria ai sensi dell'art. del citato Decreto. Per ottenere l'autorizzazione allo scarico di acque reflue il detentore dello scarico deve presentare domanda, su modulo prestampato disponibile presso l'Ufficio. il rilascio dell'autorizzazione allo scarico dei reflui domestici o assimilati, ai sensi del seed-designs.us /06 e s.m.i.,. Regolamento Regionale n. 26 del 12/12/;. 23 - Trento (seed-designs.usti Reti S.p.A.), l'Autorizzazione allo scarico. Chi può richiedere. Il proprietario o chi ne ha il titolo. Dove rivolgersi. Al Gestore delle reti di.

Nome: richiesta di autorizzazione allo scarico
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 60.62 Megabytes

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue Descrizione procedimento Ogni nuovo insediamento produttivo o abitazione privata che sia collocata in zona del Comune non servita da Pubblica fognatura, deve ottenere dal Comune l'autorizzazione allo scarico delle acque reflue.

Modalità di richiesta La richiesta va presentata al Protocollo generale del Comune, utilizzando la modulistica apposita reperibile presso il Servizio Ambiente, l'Ufficio Relazioni col Pubblico e sul sito internet del Comune.

Modalità di erogazione L'istruttoria viene curata a seconda che si tratti di abitazione privata o insediamento produttivo rispettivamente dal Servizio Ambiente o dallo Sportello Unico per le Attività Produttive, in entrambi i casi viene acquisito il parere tecnico dell'ARPA Agenzia Regionale per l'Ambiente.

L'autorizzazione viene rilasciata direttamente dal Servizio Ambiente nel caso di abitazione privata, mentre nel caso di insediamenti produttivi la consegna è a cura dello SUAP. Gli uffici provvedono ad avvisare l'interessato dell'avvenuto rilascio, tramite comunicazione scritta.

Uffici: SUE - Sportello Unico edilizia Modalità L'ottenimento dell' autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche ed assimilate è obbligatoria per tutti i fabbricati non collegati al servizio di pubblica fognatura che producono scarichi di acque reflue domestiche ai sensi dell'art.

Per acque reflue domestiche si intendono le acque reflue provenienti da insediamento di tipo residenziale e da servizi, derivanti prevalentemente del metabolismo umano e da attività domestiche. L'autorizzazione è intestata al proprietario dell'immobile e deve essere ottenuta in via preventiva rispetto all'attivazione dello scarico.

In caso di compravendita è necessario provvedere alla richiesta di voltura dell'autorizzazione.

Per tale procedimento non è previsto rilascio mediante decorso del silenzio assenso. L'ufficio provvederà all'acquisizione del parere tecnico dell'Arpa Agenzia Regionale per l'Ambiente in qualità di organo tecnico in materia ambientale.

Qualora la Ditta intenda scaricare nella pubblica fognatura i reflui derivanti dall'attività in tutto o in parte , deve presentare anche l'istanza di autorizzazione allo scarico ai fini dell'inclusione nell'Autorizzazione Unica; il Titolo Abilitativo rilasciato da questo Ente, infatti, opera solo all'interno di tale Autorizzazione.

La richiesta va fatta utilizzanto uno dei moduli in calce riportati; i soggetti a cui inviare la documentazione e le modalità di presentazione dell'Istanza sono stati stabiliti dall'Autorità competente. Nei moduli, a titolo informativo, è elencata la documentazione minima necessaria per l'esame dell'istanza.

A questo fine è necessario ottenere l'autorizzazione allo scarico. Qualora tali scarichi derivino da attività di impresa soggetta anche ad altre autorizzazioni ambientali, sono sottoposti alla procedura di AUA Autorizzazione Unica Ambientale, come previsto da DGRV n.

Le acque meteoriche di dilavamento, le acque di prima pioggia provenienti da dilavamento piazzali e superfici scoperte nonché le acque di lavaggio seguono la disciplina definita dall'art.